Storia dell'Ordine



Premessa
Per tracciare la storia della nostra Comunione è necessario ripercorrere, anche se per grandi linee, quella della Comunione di Piazza del Gesù e delle diramazioni, che si sono verificate nel corso del tempo. Nel 1908, il Pastore Anglicano, Saverio Fera, Luogotenente del Gran Commendatore del Supremo Consiglio del 33° ed Ultimo Grado del R∴S∴A∴A∴ per l’Italia, abbandona l’allora unica Comunione Massonica italiana, identificata come Palazzo Giustiniani, con la maggioranza del Supremo Consiglio stesso. La scissione ebbe luogo, allorquando l’Ordine Massonico diede disposizioni ai Senatori e Delegati Massoni, presso il Parlamento Italiano, di votare a favore dell’abolizione dell’insegnamento della Religione, in tutte le scuole del Regno.
Saverio Fera ricostituisce anche l’Ordine, nelle forme e nei modi previsti dalle norme della Bolla del 1805, caratterizzandolo con il nome di Piazza del Gesù, dall’omonima piazza romana, ove aveva sede la Comunione. I Supremi Consigli di Rito Scozzese del Mondo, convocati a Washington nel 1912, riconoscono la legittimità del Supremo Consiglio di Piazza del Gesù, il quale fece il suo ingresso ufficiale nel consesso internazionale del R∴S∴A∴A∴
Nel 1925, dopo l’assassinio di Matteotti, la Massoneria in Italia è dichiarata illegale dal governo fascista e sciolta; le sedi in gran parte distrutte e gli archivi dispersi. Si ricorda che sino a quella data sia la Comunione di Piazza del Gesù che il Grande Oriente d’Italia erano una piramide unica, comprensiva dell’Ordine e del Rito ed il Sovrano Gran Commendatore era anche il Gran Maestro. Nel 1924 Torregiani, Gran Maestro di G.O.I. - Palazzo Giustiniani, aveva separato l’Ordine dal Rito, su sollecitazione di alcune Gran Logge americane.
Nell’estate del 1943, caduto il Fascismo per opera dei Massoni Badoglio, Ambrosio, Acquarone e dello stesso Re Vittorio Emanuele III, dopo la proclamazione dell’armistizio, in Roma via Firenze n.46, i Fratelli de Cantellis, per Piazza del Gesù, e Placido Martini, per Palazzo Giustiniani, concordano la fusione delle Obbedienze, senza, però, che l’iniziativa avesse un seguito concreto ed operativo.
Subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, alcuni Sovrani Grandi Ispettori Generali, ricostituiscono vari Supremi Consigli, ognuno dei quali si proclama erede legittimo di quello sciolto nel 1925. A Roma, si ricostituisce anche l’Obbedienza di Palazzo Giustiniani, che ottiene il Riconoscimento del Supremo Consiglio, Giurisdizione Nord degli Stati Uniti d’America, per l’opera tenace di Publio Cortini. Sempre a Roma, in via della Mercede, viene ricostituita da Raul Palermi la Massoneria di Piazza del Gesù, la quale non ottiene la restituzione dell’originario Riconoscimento, in quanto il Sovrano viene accusato di non essersi opposto con sufficiente energia alle prevaricazioni del fascismo; nel tempo, ad onore di Palermi, fu accertata la verità.
 La nostra Obbedienza
 Nell’anno 1949, il Supremo Consiglio Madre del Mondo (Giurisdizione Sud degli Stati Uniti d’America) invia in Italia il Fr. Franco Moroli 33°, munito delle credenziali del Sovrano Fr. John Cowles 33°, al fine di ricostruire la Massoneria in Italia. Il 2 luglio 1949, il Plenipotenziario Moroli convoca e tiene l’Accampamento Rituale per la Riemersione del Supremo Consiglio del R∴S∴A∴A∴ in Italia, il quale viene immediatamente riconosciuto dal Supremo Consiglio “Madre del Mondo” di Washington. Contemporaneamente, nel 1948, il Principe Giovanni Francesco Alliata di Montereale (figlio dell’allora nostro Ambasciatore in Brasile e della Contessa Matarazzo, la più importante famiglia del Brasile, nonché Presidente della Nobiltà del Sacro Romano Impero in Italia) iniziato da Cristoforo Costanzo, Venerabile della Loggia Aurora, costituisce una sede prestigiosa presso il Palazzo Riso a Palermo, per ospitare le Logge palermitane.

Nonostante venga sollecitato a confluire nelle varie ricostituite Comunioni, e pur mantenendo ottimi e fraterni rapporti con le stesse, il Principe Alliata di Montereale aderisce alla nostra Comunione Italiana di Piazza del Gesù, allora presieduta da Domenico Maiocco, che ha riottenuto in forma stabile, il Riconoscimento del Supremo Consiglio “Madre del Mondo” e di quasi tutti i Supremi Consiglio del Mondo, che in precedenza era stato sino al 1925 del Sovrano Saverio Fera. Il Principe Alliata di Montereale, passato all’Oriente Eterno il Sovrano Giovanni Risi il 26 gennaio 1956, accetta la Dignità di Sovrano Gran Commendatore, con il consenso unanime del Supremo Consiglio.
Il 21 ottobre 1957, il Sovrano Alliata di Montereale, accompagnato dal Gran Segretario Fr. Moroli, si reca a Washington, ospite della Sessione Generale del Supremo Consiglio “Madre del Mondo”, il quale lo nomina Membro Onorario, durante la riunione plenaria dei Supremi Consiglio del Mondo, dignità che ha ricoperto sino alla sua morte, avvenuta nel 1994, ed ottiene, quindi, la conferma del riconoscimento. Il riconoscimento verrà tolto all’inizio degli anni ’80 a seguito dei noti avvenimenti che hanno coinvolto la Massoneria italiana e non più assegnato fino alla fine dell’attuale millennio.
Il 25 gennaio 1951, il Supremo Consiglio R∴S∴A∴A∴, come tradizione scozzese, ricostituisce l’Ordine, con il titolo distintivo di Serenissima Gran Loggia Nazionale Italiana, quale Ordine indipendente e sovrano. L’Ordine diventa, quindi, sovrano ed indipendente, con tutte le prerogative ed i poteri conseguenti. A noi è pervenuta solamente una delle Bolle delle Logge Costituenti e Fondatrici, e precisamente la n. 370 Rinascita, che ancora oggi è la nostra Loggia Madre, unitamente alle altre Logge Fondatrici, di cui abbiamo le Bolle originali.
Nel 2004 il Gran Maestro Fr. Criscuoli Tortora ha decretato che la Loggia Madre Rinascita 370 aggiungesse anche il titolo distintivo di Gianfranco Alliata di Montereale – Pier Andrea Bellerio, in omaggio alla memoria di due Massoni di grande importanza per la nostra Comunione e per la storia della Massoneria italiana ed europea. Nel 1959, al passaggio all’Oriente Eterno di Franco Moroli, la nostra Obbedienza ed il Grande Oriente d’Italia decidono di riunire i rispettivi Ordini, dietro pressione del Supremo Consiglio di Washington.

Nella primavera del 1960 a Roma, il Trattato fu firmato per la nostra Comunione dal Gran Maestro Fr. Pier Andrea Bellerio e dal G.O.I. il Gran Maestro Fr. Giorgio Tron, ma non ebbe mai alcun effetto né massonico, né giuridico/legale, in quanto non si realizzarono le condizioni previste dall’accordo; pertanto, l’atto fu nullo dall’inizio. Nel 1978, il Gran Maestro Fr. Francesco Bellantonio decise di ridare nuova Forza e Vigore alla Comunione, rinnovando il proprio impegno, nel solco della più pura Tradizione di Piazza del Gesù, riaprendo i rapporti, già cordiali, anche con Palazzo Giustiniani, nelle persone del Sovrano Fr. Vittorio Colao 33° e del Gran Maestro Fr. Lino Salvini, in questa azione pienamente coadiuvato dal Sovrano Alliata di Montereale. In quel periodo, molti personaggi storici della Massoneria Italiana si affiancarono al Sovrano Alliata di Montereale, nella loro Dignità di Gran Maestri dell’Ordine.

A seguito dei noti avvenimenti all’inizio degli anni ’80, l’Obbedienza entra in una fase di riflessione. L’Ordine ed il Supremo Consiglio R∴S∴A∴A∴, pur nelle prerogative ed indipendenze, collaborano attivamente allo sviluppo sul territorio. All’inizio degli anni 90’ il Principe Alliata di Montereale fu afflitto da traversie personali, che causarono, il 20 giugno 1994, il suo passaggio all’Oriente Eterno. Seguono alcuni anni di riflessione e di meditazione, che terminano nell’anno 1997.

Il Gran Maestro Giosuè Notari, dopo un periodo di riflessione attiva, dà nuovamente forza e vigore alla Comunione, con il rilancio dell’Ordine, che viene rinominato successivamente Serenissima Gran Loggia d’Italia - Ordine Generale degli ALAM, per non confondersi con entità massoniche irregolari, le quali si attribuiscono illegittimamente discendenze mai possedute.

Nel 27 dicembre 1999 la nostra Comunione, quale espressione di associazione profana, ha deciso di adottare la sotto denominazione di “Comunione Legittima e Storica di R∴S∴A∴A∴ di Piazza del Gesù – Principe Alliata di Montereale”, per rispondere alle richieste delle nuove leggi dello Stato Italiani in tema di associazioni private, e per caratterizzare la propria regolarità e continuità storica ed iniziatica, in un momento di confusione nella Massoneria italiana ed alla presenza di pezzi espulsi, i quali pretendevano di vantare una qualche discendenza legittima del Principe Alliata. Nel 2001, la Serenissima Gran Loggia d'Italia ha aderito alla Gran Loggia Federale Italiana, divenendone Membro Fondatore ed Effettivo, unitamente alla Gran Loggia del Sovrano Gran Priorato d’Italia ed alla Gran Loggia Unita d'Italia. Nel 2005, la Gran Loggia Federale Italiana, non avendo raggiunto il suo scopo istituzionale, è sciolta.

Nel giugno del 2007 a Tenerife – Isole Canarie, la Serenissima Gran Loggia d’Italia è entrata quale membro effettivo della G∴L∴U∴D∴E∴ - Confederazione delle Grandi Logge Unite d’Europa, con sede a Parigi presso la Gran Loggia di Francia, presieduta dal Fr. Jean-Clude Bosquet, ex Gran Maestro di Francia. Nel 2013 a Madrid – Spagna, la Serenissima Gran Loggia d’Italia è membro fondatore della I.C.U.G.L. – International Confederation of United Grand Lodges, anch’essa con sede a Parigi presso la Gran Loggia di Francia, presieduta dal Fr. Alain Graesel, ex Gran Maestro di Francia. Nel giugno del 2014 a Parigi, la Serenissima Gran Loggia d’Italia assume la vice presidenza internazionale con delega per l’Europa, che mantiene per quattro mandati annuali.

La Serenissima Gran Loggia d’Italia ha numerosi rapporti istituzionali internazionali ed ha sottoscritto oltre trenta Trattati di Amicizia con Potenze estere regolari. La Serenissima Gran Loggia d’Italia è stata a pieno titolo nell'Associazione "L'Incontro delle Genti", con ben 4 soci fondatori; questa associazione redige e pubblica il giornale trimestrale "L'Incontro delle Genti", periodico di cultura massonica, che ha l'esclusiva in Italia del Supremo Consiglio di Washington. La Comunione Italiana ha un proprio centro studi operante sin dal 1986, denominato A∴N∴S∴E∴ - Accademia Nazionale delle Scienze Esoteriche, che opera in tutto il territorio italiano, come momento di studio e di confronto. La biblioteca, il museo e l’archivio storico della nostra Obbedienza sono curati dall’Associazione di Studi Umanistici “Bibliotheka”; è stata recentemente richiesta la sua trasformazione in Onlus, anche per diventare il punto di riferimento patrimoniale della Comunione Italiana.

È in programma la fusione a breve delle due Associazioni, entrambe presiedute dal Gran Maestro in carica.

Nell’anno 2010, ha costituito, quale membro fondatore, l’Osservatorio Massonico Italiano,
la Serenissima Gran Loggia d’Italia ha sempre rispettato i Principi Massonici di Regolarità Internazionale ed adotta il Rito Scozzese Antico e Accettato, pur riconoscendo altre Ritualità regolari.